bagno grande

Quella da bagno è la stanza che normalmente si sacrifica per volume, nell’ambito di una ristrutturazione. Una stanza da bagno, in effetti, non ha una grande funzionalità, tuttavia può capitare di trovarci ad abitare in una casa in fitto che abbia già un bagno di ampia quadratura, o comunque di non poter affrontare la spesa di una ristrutturazione. Cosa fare, allora? Come arredare un bagno grande?

Approfittiamo dello spazio e pensiamo di mettere nel bagno quello che normalmente non ci metteremmo mai: una credenza, ad esempio. Una di quelle vecchio stile, in arte povera, perfetta soprattutto se il nostro bagno ha un look classico. La parte dei cassetti e delle ante si rivelerà utilissima per conservare le spugne, gli oggetti da bagno (ma se c’è posto anche altra biancheria, tipo lenzuola), mentre la parte superiore, il piano, sarà una perfetta toeletta sulla quale appoggiare trucchi, spazzole, gioielli. Se amiamo lo stile più moderno possiamo orientarci su un mobile non troppo diverso per capienza, ma per aspetto: i vecchi archivi da ufficio in metallo, ad esempio, perfetti ‘raccogli-tutto’ ma anche mobili trovati in soffitta dalla nonna, oppure in qualche mercatino dell’usato.

Avendo degli spazi ampi a disposizione, possiamo permetterci anche qualche ‘lusso’ come ad esempio le tende, che possono essere abbondanti senza rischiare di ingombrare inutilmente, o un lampadario che possiamo scegliere grande ed eccentrico, al posto della solita plafoniera, che sicuramente regalerà un tocco di personalità alla nostra stanza da bagno. Stesa cosa dicasi per il tappeto: perché limitarsi al solito scendi-doccia? Spazio più grande, tappeto più grande!

Un’altra cosa che non ci verrebbe mai in mente di mettere in un bagno, ma che invece rappresenta un’idea carina, sono i quadri. Di solito scegliamo di non appenderli perché in una stanza già piccola rischiano di ‘levare aria’ mentre in una stanza con le pareti ben distanziate tra loro possiamo liberare tranquillamente tutta la nostra fantasia e il nostro estro creativo e appendere, oltre che i quadri, anche poster, stampe, locandine, fotografie, facendo però attenzione al supporto su cui sono stampati, perché l’umido della stanza potrebbe rischiare di rovinarli irrecuperabilmente.

Bagno Cosmo
Bagno Cosmo
Andrea Carli

Ho fatto del mio hobby un lavoro. L’interesse per la tecnologia e per l’innovazione mi hanno portato a creare un web retail dell’arredamento. La mia esperienza lavorativa inizia con mio papà nel mondo dei tranciati, così ho avuto la possibilità di imparare e conoscere come viene realizzato un mobile e qual è il suo valore.